Vita

Dell’essere pronti

Boing on runwayNella vita non si è mai pronti.

Magari è un concetto banale sul quale hanno già scritto grandi filosofi e pensatori, ma ogni tanto un refresh fa bene, anche solo tra noi e noi.

Non fai un figlio perché non sei pronto… economicamente, psicologicamente, non hai la persona giusta. E così per il matrimonio. Non ci sposiamo perché non abbiamo i soldi. Non siamo pronti. Non è il momento.

Poi ti sposi perché tua madre sta per morire, e ti sposi per lei e non per voi.

Eri forse pronto? No, ma lo hai fatto comunque, anche se in modo storto.

E quando rimani incinta e non te lo aspettavi? Quel figlio può distruggerti o magari ti apre porte e mente, facendoti diventare pronto per mille altre cose per cui non ti sentivi pronto.

Non si è mai pronti nella vita, è una sensazione che si prova poche volte, credo.

Quando studi tantissimo per un esame o un’interrogazione e non ti senti pronto e poi vai lì e prendi il voto più alto.

Oppure non ti senti pronto e non consegni il compito al concorso della tua vita una, due, tre volte! E non ti senti mai abbastanza pronto… e perdi occasioni. Anche fosse solo l’occasione di sbagliare.

Non si è mai pronti nella vita. Per le prove importanti, per i cambiamenti, per la morte.

Quando muore tuo padre e sei senza rete, non sei pronto, non sei pronto, non sei mai pronto a perdere un genitore anche se hai avuto tempo per prepararti. Anche quando hai sessant’anni.

Quando arriva il tuo primo giorno di scuola, quando devi suonare su un palco per la prima o per la centesima volta, quando devi baciare la persona che ti piace, quando devi dire la verità a qualcuno e prenderti le conseguenze.

Non sei pronto! Hai bisogno di più tempo! Per favore, ancora un giorno, una settimana, un mese!

Non si è mai pronti nella vita, a far nulla.

Magari anche quando si è convinti di esserlo.

Le vediamo, vero? Le persone intorno a noi che fanno cose per cui ancora evidentemente non sono ancora pronte!

Le fanno pensandoci, non pensandoci abbastanza, non pensandoci affatto.

E diciamo: ma come gli è venuto in mente di fare una cosa del genere?

Prendere un impegno, iniziare un’impresa impossibile, costruire cose, costruire case.

E poi ci sono quelli che aspettano di essere pronti. E non fanno mai nulla.

E’ vero, non si è mai pronti. Pronti si diventa!

Perché i genitori muoiono, i baci scappano, i concerti iniziano, gli esami arrivano, la scuola comincia, la verità ti esce dalla bocca, gli spermatozoi corrono.

E allora le cose accadono e tu non le hai più decise e ti cambiano.

Forse sei pronto, forse no, forse sei già cambiato e hai solo paura.

Ma la vita và. Và esattamente dove deve andare.

E forse la cosa migliore che noi possiamo fare è buttarci e seguire un po’ quella corrente, pagaiando con i piccoli guizzi di coraggio che arrivano dall’interno e dall’esterno di noi.

Buttarci, nuotare, fare, sbagliare. Anche quando non ci sentiamo pronti.

Perché potremmo scoprire di esserlo più di quanto crediamo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...